L’ AltRa Stagione: tutta l’atmosfera del Natale si respira a Sant’Antimo

Approfondimenti culturali, concerti, corsi di canto gregoriano, attività didattiche per bambini, degustazione di prodotti del territorio, i laboratori per le corone dell’Avvento ai corsi di canto gregoriano passando ovviamente per le visite guidate all’ Abbazia in tutta la sua bellezza a magnificenza. L’attesa del Natale a Sant’Antimo coinvolge tutti e cinque i  nostri sensi e riesce a farci conoscere, ascoltare e vedere ciò che lo Spirito dice.

Si inizia sabato 30 novembre quando avrà luogo il primo laboratorio per adulti; ai partecipanti verrà insegnato come realizzare una corona dell’Avvento utilizzando la vegetazione naturale presente nei terreni adiacenti l’Abbazia.

Prima del laboratorio una visita guidata farà conoscere gli ambienti abbaziali e a conclusione, tutti i partecipanti, potranno partecipare all’accensione della prima candela della grande corona dell’Avvento esposta in chiesa.

Da venerdì 6 a domenica 8 dicembre si terrà il primo corso di canto gregoriano, a cura del maestro Livio Picotti, dal titolo “Ecce Ancilla Domini”.

Il 22 dicembre è in programma il concerto del coro della Cattedrale di Siena Guido Chigi Saracini dal titolo “Hodie Christus natus est”.

Sia il 27 che il 28 dicembre sarà possibile partecipare alla visita guidata all’abbazia “Perché in tutto sia glorificato Dio”; al termine degustazione dei liquori della Farmacia monastica. La visita guidata si ripeterà anche il 4 gennaio 2020. Ai più piccoli sono dedicate le giornate del 29 dicembre e 5 gennaio 2020 con il laboratorio didattico ‘Anche i capitelli hanno qualcosa da insegnare: decifrare i simboli scritti in Sant’Antimo’.

Dal 29 dicembre al 1 gennaio 2020, secondo corso di canto gregoriano a cura di Livio Picotti: ‘Annus novus in gaudio’. I partecipanti potranno cantare in gregoriano durante le liturgie. Per il 9 e 29 febbraio e per il 14 marzo appuntamento con tre studiosi che in ordine cronologico approfondiranno aspetti archeologici della Val di Starcia, con l’archeologo Jacopo Tabolli, artistici del complesso abbaziale, con lo storico dell’arte Alessandro Bagnoli, e sulla storia di Sant’Antimo con lo scrittore Luca Luchini. Seguirà una degustazione dei liquori della Farmacia monastica. A chiudere il calendario, il 22 marzo, sarà una visita tematica all’Abbazia da leggere come espressione della regola benedettina: ‘Sulle orme di San Benedetto: rileggendo l’Abbazia di Sant’Antimo attraverso la Regola’.

Per informazioni e per poter partecipare agli eventi scrivere una mail a [email protected] oppure chiamare 0577 286300