Lotta al Gioco d’Azzardo: Toscana in prima linea

Come testimoniano anche le attenzioni politiche verso la tematica, il gioco d’azzardo in Italia si presenta sempre di più come un fenomeno in espansione. Molte persone sono dedite al gioco e per questo è necessaria una forte sensibilizzazione per evitare che questa abitudine si trasformi in qualcosa di patologico. 

Vista una situazione di questo tipo non sono poche le iniziative che si stanno adottando per combattere il gioco d’azzardo e molte di queste vedono la Toscana ai primi posti per combattere il gioco patologico. Una delle più recenti iniziative in favore di una sensibilizzazione del pubblico recita un motto molto significativo: “Quando la vita è in gioco è in gioco la vita”. 

Uno slogano di significato molto immediato che vuole trasmettere il messaggio di quanto possa essere pericoloso scadere nella ludopatia, al punto di mettere a rischio la propria stessa vita, o comunque la sua qualità. 

Il gioco d’azzardo a Siena e in Toscana

A differenza di molte regioni italiane dove il fenomeno va ingrandendosi pesantemente anche grazie ai nuovi siti scommesse, la Toscana è una regione abbastanza virtuosa, dove si cerca costantemente di porre un freno alle cattive abitudini di gioco. Particolarmente distaccata dal gioco d’azzardo sembra essere la città di Siena dove la spresa pro-capite per il gioco si è abbassata molto negli ultimi anni.

La media è di 888 euro pro capite nel 2018, un numero davvero molto basso se si calcola una spesa di 6067 euro annui in una città come Montecatini Terme. In ogni caso in Toscana il fenomeno risulta sotto controllo perché questa è stata la prima regione ad adottare una legge sulla ludopatia. 

Grazie all’azione tenace di Serena Spinelli, la presidente dell’Osservatorio Regionale sul gioco d’azzardo il fenomeno è tenuto sotto costante controllo e molte iniziative vengono prese per contrastarlo. La campagna attualmente in essere è stata avviata per dare seguito a una serie di impegni presi. 

Il primo passo per sconfiggere definitivamente la ludopatia sono l’informazione e la prevenzione, in questo modo risulta molto più facile per le persone ridurre gli eccessi di gioco ed evitare di spendere nel gioco denaro che non possono permettersi di perdere. 

Il fenomeno più preoccupante al momento risulta essere la diffusione del gioco tra i giovani, effetto più difficile da contrastare. Sarebbe quindi ora di cominciare una serie di attività di prevenzione nelle scuole, luogo di primaria importanza dove diffondere informazioni utili affinché i ragazzi percepiscano i rischi del gioco d’azzardo

Come giocare responsabilmente?

Sebbene sia noto a tutti che esiste il gioco patologico, non bisogna dimenticare che per la maggior parte delle persone il gioco non è altro che un piacevole passatempo, perché per fortuna non è difficile da tenere sotto controllo nella maggior parte dei casi. In ogni caso per giocare responsabilmente è necessario che tutti, anche i nuovi siti scommesse si adoperino per evitare gli eccessi di gioco.

Molto importante è la comunicazione sui siti internet e nelle sale da gioco. Qui devono essere apposti messaggi che scoraggiano le persone a giocare troppo o a correre rischi troppo importanti con le proprie finanze. Per fortuna oggi la maggior parte dei siti hanno autorizzazioni dell’AAMS il che significa che rispettano tutte le norme di sicurezza, anche quelle per la prevenzione della ludopatia

Una soluzione importante sarebbe anche quella di produrre fogli informativi scaricabili che descrivono i meccanismi psicologici che entrano in atto quando una persona spende troppo tempo a fare gioco d’azzardo. Non tutti ne sono consapevoli, ma le cattive abitudini di gioco si sviluppano a livello chimico all’interno del cervello, ed è proprio per questo che poi sono dure a morire e da estirpare.