Giochi e scommesse, un fenomeno in forte crescita a livello globale

Quello delle scommesse e dei giochi è un mondo col quale abbiamo imparato a convivere da sempre, e che negli ultimi anni – complici strumenti innovativi al servizio degli utenti – sta ancor più alzando la propria asticella. Si tratta di una pratica che potremmo definire quasi atavica: in Italia storicamente la popolazione è amante del gioco (anche se non mancano prese di posizione contro le scommesse) manifestandosi in molteplici aspetti a partire dal poker con gli amici fino ad arrivare ai giochi nei pochi casinò sparsi sul nostro territorio (che ricordiamo essere il Casinò di Sanremo, il Casinò di Venezia, quello di Saint-Vincent. Alcuni di voi ricorderanno anche il Casinò di Campione d’Italia, ma quest’ultimo ha sofferto una chiusura a causa di problemi finanziari, e non si hanno al momento notizie su una possibile riapertura). 

Ad aiutare il mondo del gioco, in anni più recenti sono arrivati molti siti internet che consentono di fruire dei tipici giochi da casinò, slot, poker e altri, comodamente seduti sul divano di casa propria. Al fianco di questi, si sono sviluppate grandemente anche le scommesse sportive, trovando – in un Paese, come il nostro, che vive di calcio in modo viscerale – terreno estremamente fertile.

Ma l’Italia è solo la punta dell’iceberg.

I NUMERI DI UN FENOMENO MASSICCIO

È interessante notare come il gaming sia un fenomeno globalmente in crescita, complici strumenti di accesso al gioco molto più immediati di qualche anno fa e un crescente marketing soprattutto a livello sportivo, che genera a sua volta un grande hype intorno ai principali club europei, cosa che si traduce spesso in scommesse. 

L’EGBA (acronimo di European Gaming & Betting Association) ci fornisce alcuni dati interessanti su questo fenomeno. La prima cosa da notare è che esistono licenze ufficiali UE relative al gioco e alle scommesse in 19 paesi europei, che a loro volta servono un pubblico di giocatori che nell’intera Europa arriva a toccare i 12 milioni di persone

Altro aspetto interessante è quello relativo alla frequenza media con cui un utente compie una scommessa: il dato riporta una media di una scommessa ogni 17 giorni, dato che smentisce la forte presenza di ludopatia tra gli scommettitori, testimoniando il fatto che la scommessa può assumere anche un valore di mero divertimento saltuario. La spesa media per una scommessa è di 10 euro, sui quali – sempre secondo la media europea – il giocatore avrà un ritorno del 93% (cioè sostanzialmente per ogni 10 euro spesi in una scommessa, all’utente torneranno 9,30 euro).

Come accennato sopra, in questo campo il trend è in crescita da diversi anni: nel 2017 il giro d’affari complessivo del comparto scommesse ha raggiunto in Europa i 19,6 miliardi di euro, salendo a 21,5 nel 2018, e prevedendo per il 2019 una quantità di 23,1 miliardi di euro, prevista in crescita a 24,7 per il 2020. I dati mostrano quindi un comparto in grande salute e con un giro d’affari estremamente imponente. 

Tipologie di gioco

Il gaming si propone a noi sotto molteplici forme, ma la distinzione primaria che possiamo fare è relativa a land-based gaming e online gaming. Sempre secondo EGBA, il gioco presso luoghi fisici detiene ancora la maggioranza del mercato, con una percentuale del 79,3%. Il gioco online tuttavia vede un trend in crescita negli ultimi anni, anche grazie alla nascita di numerose piattaforme che offrono servizi di giochi e scommesse sportive – come tra i migliori siti di scommesse online scommesse24.net – andando a costituire il 20,7% del mercato.

 

Ulteriore suddivisione – relativa alle piattaforme online – riguarda le tipologie di gioco: trionfano le scommesse sportive col 40,3% del totale, seguite dai casinò col 32%, lotterie col 13% e a seguire con percentuali minori troviamo poker e bingo.

Il fenomeno del gaming si mostra quindi in forte espansione e allo stesso tempo frastagliato nelle sue molteplici sfaccettature. Vedremo se il trend di crescita dell’online sarà in grado di scalzare tra qualche anno i numeri dei centri scommessa fisici. Allo stesso tempo sarà interessante comprendere l’evoluzione numerica del mercato, per capire se esiste una vetta fisiologica entro la quale il fenomeno del gaming avrà raggiunto il proprio apice o se invece la crescita sarà costante.