Animali e biodiversità, la Toscana premia gli allevatori. Coldiretti Siena: “Tutela delle razze autoctone a rischio estinzione”

Ci sono animali che per un territorio rappresentano parte integrante del patrimonio. Nella nostra provincia, per esempio, la cinta senese e la pecora dell’Amiata sono tra le razze autoctone toscane in via di estinzione che vanno tutelate. Nelle aree rurali, soprattutto in zone ad alto valore naturalistico, si rileva il rischio di perdita di biodiversità, a causa della scarsa redditività e degli eccessivi costi per il mantenimento degli allevamenti di razze locali. Per cercare di salvare queste razze sul Burt della Regione Toscana è stato pubblicato il Bando per la “Conservazione di risorse genetiche animali per la salvaguardia della biodiversità” del Programma di Sviluppo Rurale della Toscana 2014-2020 – annualità 2018. Sono ammissibili al sostegno le razze iscritte al Repertorio Regionale di cui alla L.R. 64/04, in particolare: i bovini: Calvana, Garfagnina, Maremmana, , Pontremolese e Romagnola; gli ovini: Appenninica, Garfagnina Bianca, Pecora dell’Amiata, Pomarancina , Zerasca e Massese; i caprini: Capra della Garfagnana, Capra di Montecristo; gli equini/asinini: Maremmano, Monterufolino, Cavallo Appenninico, Asino dell’Amiata; e per i suini la Cinta senese
L’impegno consiste nel mantenimento di riproduttori appartenenti ad una o più delle razze sopra riportate. Il beneficiario è tenuto al rispetto di quanto previsto dal libro genealogico o dal registro anagrafico cui sono iscritti i capi della razza allevata. I capi devono essere mantenuti per cinque anni a partire dalla presentazione della prima domanda di aiuto. A fronte di un impegno quinquennale, il premio concesso per UBA è differenziato per razza ed è corrisposto annualmente per il numero di riproduttori (convertito in UBA) mantenuti nella stalla e può variare secondo la razza da 200 a 500 Euro/Uba ad anno. Gli allevatori che intendono presentare domanda di aiuto per accedere ai benefici previsti del bando sono tenuti, prima della presentazione della domanda, a documentare la propria posizione anagrafica mediante la costituzione o l’aggiornamento del proprio fascicolo aziendale elettronico, nell’ambito del sistema informativo di ARTEA. Il mancato aggiornamento del fascicolo aziendale elettronico comporta la sospensione dell’ammissibilità a contributo. La domanda di aiuto deve essere presentata entro il 15 maggio redatta esclusivamente in modalità telematica sulla modulistica reperibile sul sistema informatico ARTEA, nell’ambito della Dichiarazione Unica Aziendale (DUA), accedendo direttamente al sistema informativo ARTEA o tramite i CAA (Centri di Assistenza Agricola). Coldiretti Siena mette a disposizione la propria assistenza: contattare la Federazione provinciale allo 057746006 o scrivendo a [email protected]