Palio e comunicazione: il Santa Maria della Scala si apre al dibattito

E’ ricco e come sempre interessante, il calendario di giugno proposto da SMS Live nei giovedì del Santa Maria della Scala. E se questa sera si inaugura la bellissima mostra “senza programma” di Álvaro Siza , per giocare con le parole del titolo dell’esposizione, degno di nota è senza dubbio, quando la terra sarà già in Piazza, l’incontro su Palio e comunicazione.

Per cominciare ad affrontare l’argomento, sarà proiettato il documentario realizzato dal compianto giornalista Paolo Frajese per la Rai, nel 1983, “Per forza e per amore”, documentario molto particolare e anche discusso perché il giornalista aveva tentato di raccontare davvero il Palio da dentro. Alla vigilia dei quattro giorni di Palio, dunque, l’ultimo appuntamento con SMS Live di giugno sarà con un argomento di forte attualità per il pubblico ma anche per i giornalisti.

Riprendiamo il calendario e andiamo in ordine, iniziando da questa sera alle 18, con l’inaugurazione della mostra  “Álvaro Siza. Viagem sem Programa”. Già presentata a Lisbona, Reggio Emilia, Dubrovnik e Zagabria e come evento collaterale della 13. Mostra Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia, l’esposizione è un vero “viaggio senza programma” – allegoria della vita – fatto di ritratti e disegni realizzati da Siza in un arco temporale di oltre 60 anni, accompagnati da un video-documentario e alcuni contenuti inediti presentati per la prima volta a Siena, città contemplata, studiata e raffigurata nei suoi taccuini. Durante l’inaugurazione sarà possibile effettuare la visita alla mostra insieme ai due curatori Greta Ruffino e Raul Betti.

Il giovedì successivo, 13 giugno alle ore 18:00, per SMS Live Elena Franco e Domenico Quirico, moderati da Tiziana Bonomo, dialogano su “HOSPITALIA o sul significato della cura”, libro – in relazione alla mostra ora in corso al Santa Maria della Scala – che nasce da un’indagine fotografica sui luoghi e le atmosfere di antichi ospedali. Gli scatti fotografici documentano infatti edifici ospedalieri storici in un itinerario che, da Siena, attraversa Venezia, Cremona, Milano, Alessandria, Vercelli, Torino, Arles, Bourg-en-Bresse, Lione, Parigi, fino a Lessines in Belgio: un itinerario che non segue la geografia, ma che è suddiviso per temi, quali monumentalità-bellezza, liturgia-rito, limite-legame, memoria-archivio, comunità-solidarietà, autarchia-sostenibilità, paesaggio-ambiente, riuso-trasformazione.

Giovedì 20 giugno alle ore 18:30 inaugurazione della mostra temporanea “Effetto Araki”.  Araki ha voluto celebrare gli oltre 50 anni di attività (è del 1965 la sua prima mostra) con una selezione di opere che ripercorre il suo lungo percorso artistico offrendo un panorama pressoché completo sulla sua sterminata produzione, assai complessa e articolata, ben oltre le immagini di bondage che l’hanno reso celebre in tutto il mondo. In questa mostra un Araki dunque originale, riflessivo e emozionante che sembra voler riassumere la sua intera vicenda artistica e umana.

Nobuyoshi Araki, Tokyo Summer story. (Courtesy Nobuyoshi Araki)

Alla vigilia dei quattro giorni di Palio, ultimo appuntamento con SMS Live di giugno sarà giovedì 27 alle ore 18:00 nella Sala Sant’Ansano con Duccio Balestracci e Maurizio Boldrini per un incontro dal titolo: “Lo sguardo indiscreto: il Palio dal racconto ai social”. Durante la serata verrà proiettato il documentario realizzato da Paolo Frajese, nel 1983, “Per forza e per amore”, che aprirà un dibattito moderato da Maurizio Boldrini  sul ruolo della comunicazione all’interno della Festa senese. A seguire Duccio Balestracci presenterà il suo ultimo libro “Palio di Siena – Una festa italiana”.

Gli SMS Live sono ad ingresso gratuito – Info [email protected] 0577/286300