Frames, spartiti, fotogrammi: con “Non toccare la donna bianca” comincia la seconda tranche di appuntamenti con cinema e arte alla Corte dei Miracoli

Mercoledì 11 Gennaio alle ore 21.00 riparte la rassegna cinematografica Frames, spartiti e fotogrammi, un viaggio tra cinema e arte a cura di Maurizio Comanducci che continuerà fino a marzo 2012.
Il rapporto fra il cinema e l’artista, o l’opera d’arte, è quanto mai articolato e diverso, stimolante e stravagante, appassionato, mai indifferente. Il grande schermo possiede modi diversi di parlare d’arte, può riprodurre le emozioni evocate dall’artista, dalle sue opere, o ripercorrerne le forme di espressione, ed esprimersi con lo stesso linguaggio.

Primo appuntamento con “Non toccare la donna Bianca”, il film del 1974 di Marco Ferreri; la tragicommedia del generale Custer a Little Big Horn, trasposta con irresistibile e lucida ironia nel cantiere del nuovo quartiere di Les Halles. Tognazzi nei panni della guida indiana, Michel Piccoli è Buffalo Bill, Alain Cuny diventa Toro Seduto, Serge Reggiani fa Cavallo Pazzo… Marco Ferreri traspone dal passato al presente, aggiungendo la sua ironia e il suo disincanto compone un’opera surreale e profonda, che mette in discussione idoli e luoghi comuni troppo comodi e consueti. Lo sfondo è una città, una società che cambia, e trasfigura il passato.

Prossimi appuntamenti in programma, Mercoledì 18 Gennaio con “Me and you and everyone we know” (2005), di Miranda July e il 25 Gennaio con “32 piccoli film su Glenn Gould (1993)”, di François Girard.

Biglietti: € 3
Info e prenotazioni: [email protected], 057748596, www.lacortedeimiracoli.org