Siena in settembre, la mia città è magica




Posso dirlo? A Siena ci attende un mese di settembre pieno di momenti belli, quelli che rendono Siena, nonostante tutto, quella “città magica” disegnata con affetto da Alvalenti tanti anni fa.


E non mi riferisco tanto agli appuntamenti più importanti, che pure non mancano e che offriranno occasioni di visita ai tanti turisti ancora previsti in arrivo. Penso, invece, ad appuntamenti che possono sembrare minori, e che invece sommati fanno la ricchezza e l’anima vitale di una città che si vuole addormentata ed invece non lo è.
Ad esempio, la rassegna ArteSiena a Palazzo Patrizi, che allinea in rapida successione ben 3 artisti: Fabio Mazzieri con il suo “In avvicinamento” (fino al 4 settembre), i “Brevi viaggi per mare” di Laura Tondi (9-20 settembre) e “Groenlandia: la terra dell’infinito silenzio blu” di Inge Lise Rasmussen. E si conferma così un luogo della città aperto all’arte e al mondo.
L’8 settembre è la serata della Festa dei Tabernacoli, uno dei momenti più intimi ed importanti, una tradizione facente parte della vera vita contradaiola, fortemente legato al sentimento popolare di devozione religiosa e di momento educativo per le giovani generazioni di contradaioli.
Oppure l’appuntamento nel magnifico Palazzo Sergardi con AndaluSiena, che il 9 settembre presenta “Flamenco a Palazzo”, se qualcuno si fosse magari dimenticato la vocazione internazionale della città e la sua storia di legami culturali con l’Europa: a partire dalle ore 18 musicisti e ballerini si alterneranno in una performance continua che presenterà un ampio ventaglio di stili e forme proprie del flamenco più puro.
Più introspettivo e rivolto alla nostra storia lontana e recente, si annuncia invece il programma della Sinagoga di Siena per ila Giornata europea della cultura ebraica (dal 10 al 14 settembre), dove presentazioni di libri, dibattiti, proiezioni di video si affiancano con le visite guidate di Andare per ghetti e giudecche: scopriamo la sinagoga di Siena.
E per chiudere, il 29 settembre, con Bright – La notte dei ricercatori, con tanti appuntamenti e tanti docenti, ricercatori e studenti dell’Università di Siena e dell’Università per Stranieri, impegnati a divulgare il loro sapere e rendere ognuno di noi più consapevole di quanto ricco sia il patrimonio culturale, scientifico ed intellettuale della nostra “città magica”.

Roberto Guiggiani