Investire in borsa è un gioco? No, occorre fare molta attenzione!

È uno dei più comuni equivoci da parte dei trader principianti: ritenere che investire in Borsa sia l’equivalente di un gioco d’azzardo, di un passatempo da casinò.

Ebbene, NON è così! Il trading sui mercati finanziari non può essere certamente paragonato a una roulette o a una slot machine: l’attività di investimento, come leggiamo sul sito Investireinborsa.org, comporta infatti l’esame delle informazioni di quanto accaduto in passato, l’analisi dei dati disponibili sul presente, le previsioni sul futuro, l’integrazione nella propria strategia, con l’obiettivo di comprendere se e come convenga negoziare strumenti finanziari. 

Insomma, investire sui mercati finanziari non può essere paragonato a un gioco di fortuna, ma deve essere inteso come una serie di attività di particolare importanza e complessità, che ogni investitore dovrebbe essere in grado di interpretare e di ponderare con la giusta attenzione, riponendo particolare cura nell’acquisizione di una risorsa essenziale per orientare i propri approcci di trading: le informazioni.

I trader sono infatti costantemente alla ricerca delle informazioni più utili per poter conoscere se e come convenga investire. L’origine di tali informazioni può essere la più varia: il trading potrebbe infatti richiedere un’analisi puramente fondamentale, basata sui dati economici, così come un’analisi tecnica, bastata sui grafici e sull’applicazione di calcoli matematici per prevedere le tendenze del mercato. 

Grazie a ciò, e combinando il tutto con la possibilità di integrare le scelte di investimento con la propria strategia, gli investitori possono pianificare i propri comportamenti operativi, stabilendo cioè dove investire, quanto comprare e quanto spendere. Ogni operazione sul mercato finanziario dovrà quindi essere attentamente analizzata prima dell’acquisto: un trader dovrebbe sapere quando uscire dalla posizione con largo anticipo, stabilendo stop loss e take profit che possano metterlo al riparo dalle emotività. 

In altri termini un trader dovrebbe avvicinarsi al mercato finanziario con una solida strategia di trading e seguire la stessa con la giusta disciplina. Considerando il fatto che il mercato è imprevedibile, un investitore saggio non potrà che andare avanti con un piano strategico di lungo respiro, piuttosto che “navigare a vista”. È infatti solo con il ricorso alla disciplina e alla pazienza che si può mirare alla disponibilità di grandi profitti. In parole povere, il trading non è come vincere un jackpot alle slot machine, una tantum, ma è piuttosto la ricerca di una fonte costante di reddito che non lega le proprie sorti a un unico investimento, bensì all’andamento del proprio complessivo portafoglio finanziario.

Di conseguenza, i trader dovrebbero capire che non possono ottenere un guadagno da ogni operazione che fanno. Un approccio di profitto sostenibile a lungo termine è sempre il più efficace per la negoziazione di strumenti finanziari, evitando di avvicinarsi a una speculazione troppo aggressiva, di brevissimo raggio, senza comprendere come integrarla nel proprio profilo di trading.

In conclusione, il nostro invito è quello di considerare il trading azionario come un vero e proprio business, un’attività professionale che merita – come tale – il massimo rispetto e la massima attenzione!