Banca Monte dei Paschi di Siena, una storia europea (dal 2017)




Soddisfatte le due condizioni per il via libera della Bce alla ricapitalizzazione precauzionale di Banca MPS:

– la Banca è solvibile;
– l’impegno ottenuto dagli investitori privati all’acquisto dei crediti deteriorati è formale.

Convince il nuovo piano industriale presentato per affrontare i prossimi 5 anni.
Dopo sei mesi di lavoro al microscopio, risultano adeguati i requisiti patrimoniali e innescata la giusta direzione verso i good assets per la ricapitalizzazione precauzionale, con la quale lo Stato ha approvato 5,4 Miliardi di aiuti. Altri 4,3 Miliardi di euro deriveranno dalla conversione di azionisti e obbligazionisti non privilegiati.
Fino a 1,5 miliardi saranno, però, destinati per il ristoro di sottoscrittori al dettaglio di bond junior, per i quali si configura miss selling e che quindi non dovranno condividere gli oneri della ricapitalizzazione. Una tutela importante che viene riconosciuta ai risparmiatori e che conferma l’orientamento del decreto dello scorso dicembre.
Il piano di ristrutturazione che approva l’Europa è orientato alle piccole e medie imprese, alla redditività e alla gestione del rischio di credito. I dettagli saranno comunicati ufficialmente dalla banca.
Bilancio ripulito e nuovo modello di business.
A breve cominceranno le trattative con i sindacati per la delicata questione degli esuberi.
Comincia finalmente il capitolo 1 dell’anno 2017.
E una nuova storia!
Maria Luisa Visione